LA CLASSICAL EXTENSIONAL MEREOLOGY E L'APPROCCIO DI ARISTOTELE

I concetti di parte e tutto hanno una varietà di utilizzi amplissima, che una ricerca filosofica dovrebbe impegnarsi a districare attraverso la disamina sistematica dei significati di “parte” e “tutto” e l’individuazione, tra di essi, di un significato focale concettualmente presupposto dagli altri.

Questo sarà l’approccio aristotelico. Ciò che invece contraddistingue la mereologia come studio formale è la prescissione metodica dalla multivocità dei concetti di parte e tutto: i diversi tipi di parte sono in una prima mossa parificati e ridotti al loro minimo comune denominatore dato dall’essere costituenti. Posta dunque come “parte”, semplicemente, ogni componente di un intero, la relazione di composizione/esser parte di (espressa da una costante predicativa binaria ‘P’) viene determinata attraverso la formulazione di teorie definite da un opportuno insieme di assiomi per ‘P’. Solo in un momento successivo, e a un differente livello, l’adozione di determinati assiomi piuttosto che altri indirizza la teoria formulata in un senso piuttosto che in un altro, e dunque porta ad ammettere come costituenti in senso proprio certi tipi di parti piuttosto che altri. Tuttavia, la determinazione della priorità di uno sviluppo della teoria di base rispetto a un altro è, appunto, determinato post factum: esso è oggetto di una ricerca non formale ma sostantiva (e d’altra parte anche meta-logica), il cui effetto è primariamente quello di stabilire l’efficacia descrittiva dei modelli per le diverse teorie rispetto ai diversi campi fenomenici che sono oggetto di ricerca di merito. Una mereologia così intesa (CEM) fu introdotta nei lavori di Stanislaw Lesniewski e Alfred N. Whitehead (ca. 1914-16) e successivamente sviluppata, primariamente, da Alfred Tarski, Henry Leonard, Nelson Goodman e David Lewis. Continua a leggere

Annunci