Space History: le prime foto dallo spazio

lunar orbiter

La Terra e la Luna in una foto del 1966 scattata dal Lunar Orbiter. (Credit: NASA).

Assuefatti ormai al rapido progresso delle tecnologie, spesso dimentichiamo come è cambiata la nostra visione del “cosmo” in un lasso di tempo relativamente breve, dagli anni sessata del Novecento ad oggi. Inizio questa Space History con la fotografia che vedete qui sopra, il primo scatto della Terra dalla Luna effettuato da una missione spaziale senza equipaggio. 

Il famoso sbarco sulla Luna dell’Apollo 11 nel 1969, che ha segnato il culmine di una serie di progetti spaziali internazionali, non è stato un evento isolato. Nel nel 1966-1967, le missioni senza equipaggio del Lunar Orbiter hanno fornito importanti dati agli americani mappando la superficie della Luna dallo spazio. Uno dei risultati lo vediamo proprio in queste foto. Nel 2008 la NASA ha riprocessato l’immagine originaria, che era in digitale, ottenendo l’immagine seguente:

Lunar orbiter reprocessed - Lunar Orbiter Image Recovery Project/NASA (moonviews.com)

(Credit: Lunar Orbiter Image Recovery Project/NASA, http://www.moonviews.com).

Passiamo a Marte. Tra il 1960 e il 1970 sono partite alla volta del Pianeta Rosso le prime sonde sovietiche e statunitensi. La Mariner 9 è la prima sonda della NASA ad essersi avvicinata all’orbita marziana nel 1972/1973 producendo la prima mappa del pianeta. Sotto vedete il quadrilatero Oxia Palus, il primo di una serie di 30 quadrilateri su Marte studiati dal programma di ricerca Astrogeology della US Geological Survey (il Mars Pathfinder è atterrato su Oxia Palus il 14 luglio 1997).

mars-mariner-9

Oxia Palus fotografato da Mariner 9 nel 1972. (Credit: NASA).

Viking 1 e 2 sono entrambi sbarcati su Marte nel 1976 ed hanno restituito i primi dati utilizzabili della superficie del pianeta. L’immagine seguente mostra il monte Ascraeus, un vulcano spento, alto due volte il monte Everest e che era stato scoperto qualche anno prima proprio da Mariner 9. Benché appaia simile alla precedente, i dettagli che contiene sono molto più numerosi.

Mars viking

(Credit: NASA).

Passiamo ora a Giove e Venere. Il programma Voyager è famoso come aver scattato le prime immagini dettagliate di molti corpi della fascia esterna del Sistema Solare, comprese le lune di Giove e Nettuno. Nelle due immagini a seguire vedete, nell’ordine, uno scatto di Io effettuato da Voyager 1 nel 1979 e Ganimede fotografata da Voyager 2 sempre nel 1979.

io

(Credit: NASA).

ganymede

(Credit: NASA).

Diversamente dalle sonde spaziali moderne, che utilizzano rivelatori CCD (dispositivi digitali simili a quelli nelle fotocamere digitali consumer), le missioni Voyager usavano il vidicon, un tipo di rivelatore analogico montato sulle telecamere. Se poi si osservano i dati delle sonde russe concernenti Venere ci si rende conto immediatamente dei progressi effettuati. Tra il 1970 e il 1980 la Russia investì molto nel “programma Venera” che culminò nel 1982 con la costruzione di due sonde identiche, Venera 13 e Venera 14, cui dobbiamo questi scatti:

Venera 13

Venera 13. (Credit: Roskosmos).

Venera 14

Venera 14. (Credit: Roskosmos). In entrambe, il testo in cirillico recita: “Venera 13/14 Obrabotka IPPI AN SSSR TsDKS”, short for “Venera 13/14, Processing, Institute for Problems in Transmitting Information, Academy of Sciences, Union of Soviet Socialist Republics, Centre for Long-Distance Space Communications”.

Venera map

Mappatura della superficie di Venere. (Credit: Roskosmos).

Per approfondire:

Lunar and Planetary Institute – Lunar Orbiter web pages

NASA Viking pages

NASA Mariner pages

Roskosmos (Russian Federal Space Agency)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...