I Milesii, Pitagora, Eraclito e Parmenide: aiuto, da dove comincio?

La domanda che mi viene fatta più spesso è la seguente: da dove comincio? Cosa posso leggere per iniziare a studiare i Presocratici? Ti fornisco un po’ di istruzioni per l’uso in grado di metterti al riparo dalle numerose trappole in cui potresti inciampare. Partiamo dicendo che ho dedicato numerosi video alla nascita della filosofia, più in dettaglio ho parlato di Talete di Mileto, Anassimandro e Anassimene, Pitagora di Samo, in ben tre video di Eraclito (l’intellettualismo conoscitivo, il polemos come armonia, Eraclito e Senofane), per giungere a Parmenide di Elea. Queste videolezioni sono abbastanza complete, nel senso che sono una buona risorsa per il ripasso di questi autori. Cosa manca?

Manca il contesto storico e qualche indicazione sul metodo che devi (assolutamente!) seguire se sei uno studente, ma soprattutto se sei interessato a questi studi pur non avendo un background filosofico. (i) Il contesto storico è fondamentale poiché l’errore più diffuso, presente anche in alcuni studi specialistici, è quello di trattare gli antichi come se fossero nati ieri, isolandoli dall’humus in cui hanno operato, facendogli spesso dire cose inverosimili (è il caso di alcune letture “analitiche” di Platone o di alcuni famosi filosofi italiani come Emanuele Severino). L’acquisizione di un linguaggio corretto e la capacità di discernere i problemi degli antichi da quelli dei moderni, riconoscendone anche eventuali analogie, passa attraverso la comprensione di questo scarto. La filosofia nasce in Grecia all’interno di un quadro geografico, sociale e politico assolutamente particolare.

Tra il VII e il VI secolo a.C., infatti, il mondo greco non comprendeva solo la Grecia continentale ma un numero non trascurabile di colonie: in Asia Minore (l’attuale Turchia), in Italia meridionale (la Magna Graecia) e in Sicilia. Frantumazione e disomogeneità di lingue e costumi erano all’ordine del giorno. Ma esisteva una costante, che riuscì a resistere fino all’ondata delle conquiste macedoni: la polis o città-stato. Dal VII secolo in poi le poleis sono interessate da un processo di progressiva democratizzazione, cui ho accennato nel video Solone e la Democrazia. In epoca arcaica il potere era detenuto dagli aristocratici, ossia dai possessori di terre, ma questa condizione non durò per molto tempo: la situazione politica restò fluida per molto tempo, in quanto vi furono continui cambiamenti di regime (aristocrazia, democrazia, tirannia si alternarono incessantemente).

Nelle colonie questa incertezza politica era massima. Paradossalmente, erano proprio questi i luoghi in cui la vita culturale era particolarmente frizzante. Tieni presente che lo sfondo storico è questo, a grandi linee, e che la nascita della filosofia è un fenomeno sociale e politico, non “accademico” o “umanistico”. Una prima difficoltà che incontri nello studio dei presocratici consiste nell’indeterminatezza delle fonti. Hanno certamente scritto qualcosa, ma non ci è pervenuto quasi nulla. Dobbiamo per forza affidarci alla tradizione indiretta, alle fonti antiche spesso di molto posteriori alla morte di questi primi pensatori. Abbiamo due tipi di testimonianze antiche:

1- citazioni testuali o frammenti,

2- riassunti e parafrasi o testimonianze indirette di secondo livello, “storiografiche” (benché sovente anteriori alla nascita stessa della storiografia greca (con Erodoto)).

In questo secondo caso avrai sentito parlare dei dossografi antichi. Purtroppo anche questi sono quasi tutti perduti, tranne che per le testimonianze indirette. Se poi accade, come nel 2005 con alcuni scritti di Galeno, che gli archeologi trovano un papiro nuovo nuovo, allora è come se avessimo vinto alla lotteria! Queste premesse generali ci introducono all’ultimo argomento di cui voglio parlarti.

(ii) L’importanza del metodo. Mi chiedi come e dove cominciare. Alcuni autori, come ad esempio Aristotele, non possono essere letti senza una guida o un buon manuale. Per quanto concerne i Presocratici questo problema si pone solo per Parmenide, uno dei più fraintesi, in primis per le assolutizzazioni implicite nelle letture di Vattimo e Severino che andrebbero invece intese cum grano salis, ossia come interpretazioni individuali e non come contributi di storia della filosofia. Ecco la prima distinzione che devi tenere presente: filosofia teoretica e storia della filosofia sono due approcci diversi.

Mi è già capitato di fare, sul canale, l’esempio di Heidegger (e in un video introduttivo su Aristotele che non è ancora uscito, pur essendo stato girato a luglio, sentirai anche l’esempio di Severino). Heidegger traduce la duvnamiı aristotelica con “forza”. Certo, è una mossa teoretica potente, che indirizza l’ermeneutica di stampo heideggeriano, ma devi assolutamente riconoscerla e valutarla come tale perché duvnamiı,  in greco antico, e nel gergo aristotelico, non vuol dire forza ma “capacita”, “potenza”, la capacità del fuoco di tendere verso l’alto e la capacità del’animale dotato di anima vegetativa, di respirare. Il concetto di forza è assente in Aristotele. Questo è un errore per uno storico della filosofia, il che significa che quella soluzione, quella resa del testo, è una forzatura che non spiega Aristotele ma lo piega alle esigenze di un edificio filosofico, che poggia su assunti indipendenti e in cui Aristotele viene inserito. 

Purtroppo il riconoscimento di questi indicatori linguistici è accessibile a pochi: è molto semplice per chi ha una formazione classica, e conosce il greco antico, ma risulta impossibile a chiunque altro. La necessità di creare un ponte tra cultura classica e mondo contemporaneo è dunque molto forte, visto che siamo circondati da cattivi filosofi; con questo non intendo sminuire il lavoro di Vattimo e Severino, intendo semplicemente metterti in guardia. Se ti interessa comprendere il pensiero debole e le posizioni personali di alcuni filosofi italiani del Novecento, fai pure. Se invece intendi studiare seriamente gli antichi, senza violentare i testi, devi affidarti a un antichista di professione, che faccia lo storico della filosofia e non il teoreta. 

Ti dico adesso, in pratica, come affrontare lo studio degli autori indicati nel titolo. Se non ne sai nulla, puoi cominciare a leggere le testimonianze antiche insieme a un buon manuale di storia della filosofia. Presumo naturalmente che tu non conosca il greco (un grecista non ha bisogno di me). Ora ti indico alcuni testi a fronte affidabili e dei manuali di riferimento. Sui Presocratici non ti presento un mio riassunto poiché, come ti anticipavo, sul canale le risorse pubblicate sono sufficienti: da Platone in poi, invece, troverai un doppio canale, brevi video e approfondimenti qui sul portale.

Veniamo ai testi per una preparazione approfondita. I manuali indicati sono i migliori in commercio. 

a) Nicola Abbagnano, Storia dell Filosofia I, UTET.

b) Mauro Bonazzi (a cura di), Storia della Filosofia Antica. Dalle origini a Socrate, Carocci.

c) Franco Trabattoni (a cura di), Storia della Filosofia Antica. Platone e Aristotele, Carocci.

d) Emidio Spinelli (a cura di), Storia della Filosofia Antica. L’età ellenistica, Carocci.

e) Riccardo Chiaradonna (a cura di), Storia della Filosofia Antica. Dalla filosofia imperiale al tardo-antico, Carocci.

Ora, i manuali di storia greca e le fonti con testo a fronte:

f) C. Bearzot, Manuale di storia greca, Il Mulino.
g) L. Braccesi, F. Raviola, Guida allo studio della storia greca, Laterza.
h) D. Musti, Storia greca. Linee di sviluppo dall’età micenea all’età romana, Laterza.

i) I Presocratici. Testimonianze e frammenti, BUR.

l) Giamblico, La vita Pitagorica, BUR.
m) Aristotele, Metafisica, UTET.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...