Cos’è la scienza? In margine a un articolo su arXiv.org

Qual è la natura della conoscenza scientifica? Quali i suoi limiti? In che modo la conoscenza scientifica differisce da altre forme di conoscenza? Oggi voglio segnalarti un breve ma interessante articolo, che si intitola What is Science?, in cui Pierre C Hohenberg si pone una serie di domande che affondano le radici nella notte dei tempi. Ti invito quindi a dedicargli qualche minuto poiché i punti su cui discutere sono molti.

L’autore sostiene che “the body of knowledge we call Science is exemplified by elementary arithmetic: it has the following properties: (i) Science is collective, public knowledge; (ii) Science is universal and free of contradiction; (iii) Science emerges from science; (iv) Science is nevertheless bathed in ignorance and subject to change. These properties imply that many questions that are of great interest to humanity are out of reach to Science, since they necessarily involve individual and group commitments and beliefs. Examples are questions of ethics, religion, politics, art and even technology, for which diversity is a fundamental virtue”.

La scienza ha alcune caratteristiche distintive, direi definitorie, che la distinguono dalle altre forme di sapere: è universale, è collettiva, i suoi risultati sono interni al dominio di riferimento in quanto emergono da altri risultati che li precedono, e i suoi progressi non sono immutabili ed assoluti. Fin qui, nulla di nuovo. Ho deciso di dedicargli una breve presentazione perché può essere utile a chi dubita della scienza e a chi non ha ancora chiaro come effettivamente procede la scienza. A parte le esigenze di “ripasso” vale la pena soffermarsi su un altro punto: la filosofia è utile alla scienza?

Non di rado Edoardo Boncinelli si fa protagonista di qualche sparata contro la filosofia. Lo stesso Richard Feynman è noto per la sua avversione nei confronti della filosofia e del problema dei fondamenti. Non avrebbe visto di buon occhio la seconda parte dell’articolo, dedicata ai “paradigmi”, in cui si parte da un assunto di base: la scienza si distingue da una mera credenza.

Cosa si intende con credenza? Nella filosofia antica la nozione di credenza è legata alla conoscenza sensibile e rientra nell’ambito della doxa (l’opinione), cui si contrappone la scienza come conoscenza di verità eterne. Da Locke in poi, con la distinzione tra conoscenza certa e conoscenza probabile, la credenza è diventata una forma di assenso, ossia risulta vincolata all’attribuzione di un valore di verità a una proposizione. Il richiamo a un concetto filosofico è un passo necessario per distinguere la scienza da tutto il resto, filosofia compresa:

the domain of art, literature, philosophy, politics, business, technology, medicine and of course, religion. The common characteristic of these diverse domains is the link to individuals or communities that must “own”, “commit to” or “believe” the knowledge contained in the activity. Another characteristic is the celebration of diversity in these areas. What would be considered an inconsistency in Science is an expression of individual or collective freedom in art, politics or religion”.

La scienza si distingue nettamente dalla filosofia ma … è utile per la scienza? In assenza di smentite in altri articoli di Hohenberg si può ben supporre di sì, visto che ricadono al di fuori della scienza molte altre conoscenze a attività necessarie al progresso dell’umanità, di cui non possiamo non tenere conto. E visto l’esplicito riferimento alla distinzione tra conoscenza e credenza. L’idea della filosofia come metodo per le scienze e come controparte linguistica dei criteri di vaglio e controllo dei suoi risultati merita certamente più attenzione, cosa che non posso fare in questa breve presentazione. 

La definizione di scienza presentata è intesa dall’autore come un superamento della tesi di Thomas Khun (1922-1996). Kuhn ritiene che la scienza non proceda per accumulazioni ma per rivoluzioni. Ma queste rivoluzioni sono eventi, eccezioni rispetto alla scienza normale, ossia una pratica di ricerca stabilmente fondata su uno o più risultati raggiunti dalla scienza in passato, ai quali una particolare comunità scientifica per un certo periodo di tempo riconosce la capacità di costituire il fondamento della sua prassi ulteriore. La validità della scienza si basa dunque su alcuni paradigmi che determinano e indirizzano le ricerche successive. Un paradigma è ad esempio la meccanica newtoniana; non si tratta di regole rigide ma di modelli nuovi e aperti, tali da consentire altre ricerche.

Contrariamente a quanto sosteneva Popper, secondo Kuhn gli scienziati di solito non si dedicano ai controlli severi delle teorie. Ciò può darsi solo quando sorgono delle novità inaspettate, considerate come anomalie, come accadde con la scoperta dell’ossigeno. Kuhn considera un luogo comune, una fantasia storica l’idea che una teoria sia invalidata mediante un confronto con i fatti o osservazioni e che questo conduca al suo abbandono. In realtà, i mutamenti di più vasta portata emergono solo con nuove teorie, in quanto la teoria che viene riconosciuta come nuovo paradigma è invalidata solo se esiste un’alternativa possibile.

Ecco la rivoluzione. Un paradigma quindi non viene messo in crisi solo con argomentazioni logiche ed esperimenti, ma comporta sempre una valutazione “filosofica” che va di pari passo con un mutamento concettuale profondo e che comporti una presa di posizione su quali problemi sia più importante risolvere adesso. Relativismo e irrazionalismo sono due ovvie critiche che sono state mosse a Kuhn ma ora mi vien da dire … altro che rivoluzioni! Hohenberg sostiene che la metafora più adatta per capire cos’è la scienza sia fornita dalle placche tettoniche. La conoscenza scientifica è rappresentata da masse di terra che emergono da un mondo sotterraneo dell’attività scientifica degli individui e delle comunità.

Emergono, sì, ecco un altro concetto filosofico da approfondire =) 

…. Ah, dimenticavo. Pierre Hohenberg è un professore emerito di Fisica (non di filosofia).

Paper del 5/04/2017: Pierre Hohenberg, What is Science? arXiv.org 

Thomas S. Kuhn, La struttura delle rivoluzioni scientifiche, Einaudi.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...