Betty di George Simenon o dell’universo assordante della carne

foto

“[…] a poco a poco la mano le era scivolata lungo il ventre e, come quando era ragazzina, senza quasi rendersene conto, si stava accarezzando, forse per isolarsi ancora di più dal mondo esterno, per far sì che esistesse unicamente l’universo della sua carne calda e delle sue sensazioni“, (Georges Simenon, Betty, Adelphi, p. 33). Solo un’abitudine. Un’abitudine da prendere, prima o poi. Sì. Quella di amare o di non amare. Disadattata o emancipata? Incoerente o pragmatica? Puttana o disillusa? Sopravvivere attaccata a una bottiglia di whisky per non “sporcarsi”. Ecco il motto di Betty.
Continua a leggere

Annunci

Amore e Filosofia: Heidegger-Arendt, Sartre-de Beauvoir e … Aristotele!

love

Nella storia della filosofia ci sono figure come Platone, Agostino, Abelardo e la Arendt in cui la teoria è chiaramente espressione di un travaglio personale facilmente individuabile: “ho rinunciato alla dedica di questo libro. Come potevo dedicarlo a te, mio intimo, a cui sono e non sono rimasta fedele, ma comunque, in entrambi i casi, amandoti”, (Hannah Arendt a proposito del De vita activa). Il De vita activa è stato pubblicato per la prima volta nel 1958. La rottura (mai davvero definitiva) con Heidegger risale a circa vent’anni prima. Il video di cui vedi qui sopra la “locandina” sarà on-line il 27 gennaio.  Continua a leggere

Virtù e Reminiscenza nel Menone di Platone

La teoria della reminiscenza è uno dei capisaldi della dottrina della conoscenza (o epistemologia) di Platone. Presentata e discussa in varie opere, Menone, Fedone, Repubblica, è sempre presente nella produzione dei periodi della maturità e della vecchiaia. La dottrina della reminiscenza nasce dall’esigenza di rispondere a due obiezioni scettiche concernenti la dottrina delle idee: (i) come si giustifica l’esistenza delle idee? (ii) che cosa sono le idee? Esistono solo nella nostra mente, dunque sono meri concetti, o esistono al di là di essa e hanno una reale consistenza? Continua a leggere

Quando nasce la moneta? Pensieri sul capitalismo

Quando è nata la moneta? In questo video ripercorriamo il passaggio dal tripode al conio in un periodo compreso tra il VII e il V secolo a.C.. Si tratta di un momento significativo della storia greca e un’occasione per riflettere sul capitalismo e sul rapporto tra homo eticus e homo oeconomicus.

Continua a leggere

Qualche Riflessione su ‘Breve Storia dell’Ontologia’ di G. Galluzzo

Risultati immagini per Ontologia

Ho letto il libro di G. Galluzzo, Breve storia dell’ontologia, Carocci, qualche anno fa e mi sento di consigliarlo soprattutto a chi sta intraprendendo studi di filosofia antica. Lo stile è scorrevole, le note e la bibliografia sono complete e aggiornate (la prima edizione è del 2011). Te ne parlo non solo per un breve accenno al catalogo degli argomenti che tratta, ma soprattutto perché mi ha fatto riflettere su un aspetto della didattica della filosofia che, troppo spesso, viene dimenticato. Continua a leggere

Che cos'è la Filosofia Antica?

Che cos’è la Filosofia Antica? è il titolo di un libro di Pierre Hadot, antichista, scrittore francese amante della letteratura latina. Un punto di riferimento per chiunque abbia fatto studi classici. In ben due occasioni, Esercizi Spirituali e Filosofia antica e, appunto, Che cos’è la Filosofia antica, Hadot ne traccia le differenze con il nostro modo di intenderla (non di viverla) Continua a leggere

Filosofia della Mente: Introduzione Storica

Image shows a drawing of two heads.

Credit: Joan M. Mas.

Nel De Anima (II 2-4) Aristotele afferma che per i viventi l’essere è il vivere. Dato che per tutte le cose l’essenza è la causa dell’essere e per i viventi l’essenza è l’anima, l’anima sarà la causa del vivere. È la vita la nozione che unisce l’anima e il corpo e che impedisce quel dualismo che caratterizzerà invece il pensiero moderno sull’anima. Con Cartesio abbiamo infatti un radicale spostamento semantico dal termine “vita”, in quanto viene completamente incorporato nel termine “cogito”. Cartesio ritiene che il pensiero, la res cogitans, non necessita di altro che di se stesso e che è proprio il pensiero ad essere la sostanza dell’anima. Continua a leggere