Un network formato da qubit entangled

Towards the realization of a solid-state quantum network

(Credit. nature).

OLANDA – I ricercatori del TU Delft sono riusciti a portare due elettroni, a distanza di tre metri l’uno dall’altro, in uno stato entangled. Questo risultato segna un importante passo verso la realizzazione di un network globale che possa essere utilizzato per collegare i futuri computer quantistici, e per inviare informazioni in modo sicuro per mezzo del teletrasporto. I risultati sono stati pubblicati online il 24 aprile nella rivista Nature – l’articolo si intitola Heralded entanglement between solid-state qubits separated by three metres. Continua a leggere

Annunci

Una rete quantistica a prova di grande fratello

Schema del funzionamento di un network quantistico. (Crediti: Nature 501, 69–72 (05 September 2013) doi:10.1038/nature12493).

Una rete quantistica a prova di spioni? Forse a breve sarà possibile. Lo spiega un articolo intitolato A quantum access network e pubblicato su Nature in cui, i ricercatori della Stanford University mostrano di aver costruito un’infrastruttura economica e semplice per garantire la massima sicurezza nello scambio di informazioni su una rete quantistica. La nuova tecnica si basa su un modello sviluppato negli anni Ottanta, la distribuzione di chiavi quantistiche (Quantum Key Distribution, Qkd), straordinariamente efficace nella protezione di dati riservati, ma finora applicabile solo a reti di piccole dimensioni. I ricercatori sono riusciti ad ampliare la portata del sistema fino a 64 utenti, semplificandone l’architettura e riducendone i costi. E sperano di arrivare anche oltre. Continua a leggere

Un network di comunicazione quantistica nello spazio

File:STS-134 International Space Station after undocking.jpg

La Stazione Spaziale Internazionale fotografata dopo la separazione dello Space Shuttle Endeavour nel corso della missione STS-134. (Credit: ESA).

AUSTRIA – Albert Einstein descriveva l’entanglement come un’azione spettrale a distanza; non rassegnandosi ad abbandonare la concezione classica di causalità, il padre della relatività fu per tutta la vita preoccupato dell’indeterminismo che vige nel microcosmo. Con entanglement o correlazione quantistica si intende un fenomeno, privo di qualunque analogo classico, grazie al quale non è possibile definire una singola particella come tale e come dotata di uno stato preciso; l’unica cosa che si può fare è descriverla nel sistema in cui si trova. Continua a leggere