Epicuro e Heidegger: Nichilismo, Felicità e Dominio della Tecnica

Tra il 1936 e il 1940 Heidegger tenne a Friburgo cinque corsi su Nietzsche (si pronuncia “Nice”, non “Niccc” o “Niz”, come spesso sento nei video su YouTube!). Il contenuto di questi corsi è poi confluito in due volumi pubblicati nel 1961 – intitolati appunto, Nietzsche – ma Heidegger ne anticipò alcuni punti salienti in un saggio, incluso nella raccolta Holzwege (1950) intitolato La sentenza di Nietzsche “Dio è morto”. Qui Heidegger dimostra che il nichilismo non è una corrente filosofica come le altre, nemmeno un momento della storia della filosofia. Si tratta invece del movimento di pensiero che attraversa l’epoca della metafisica da Platone a Nietzsche, l’intera storia dell’Occidente! Continua a leggere

Annunci

Amore e Filosofia: Heidegger-Arendt, Sartre-de Beauvoir e … Aristotele!

love

Nella storia della filosofia ci sono figure come Platone, Agostino, Abelardo e la Arendt in cui la teoria è chiaramente espressione di un travaglio personale facilmente individuabile: “ho rinunciato alla dedica di questo libro. Come potevo dedicarlo a te, mio intimo, a cui sono e non sono rimasta fedele, ma comunque, in entrambi i casi, amandoti”, (Hannah Arendt a proposito del De vita activa). Il De vita activa è stato pubblicato per la prima volta nel 1958. La rottura (mai davvero definitiva) con Heidegger risale a circa vent’anni prima. Il video di cui vedi qui sopra la “locandina” sarà on-line il 27 gennaio.  Continua a leggere

Chi vuol esser Social, sia: di doman non c’è certezza

“Chi vuol esser lieto, sia: di doman non c’è certezza” scriveva Lorenzo de’ Medici (il Trionfo di Bacco e Arianna, 1490). Caro Lorenzo, spero che non ti offenda se uso questo tuo bellissimo verso per esprimere un concetto banale, che ritengo scontato: la libertà individuale prima di tutto (ovviamente, sempre nei limiti del buon senso e della libertà altrui). Questo principio mi è molto caro soprattutto nella gestione della mia immagine sui social network. Continua a leggere